AISLA - Sezione Trentino Alto Adige

SLA Io non mi arrendo - un libro di Giuseppe Trupia

"Con mia moglie abbiamo avuto un figlio. Tutto evolveva al bello, ma le difficoltà della vita erano iniziate e per me è diventata una sfida giornaliera: avevo 37 anni quando la malattia ( SLA ) ha fatto la sua comparsa.
Nel mio libro parlo delle difficoltà dovute alla malattia, ma anche dell'affetto dei familiari sempre presenti e del calore umano che danno gli amici e l'aiuto che possono dare nei momenti di sconforto.
La SLA è una malattia molto invalidante, in poco tempo si perde la capacità di camminare, mangiare dalla bocca, gesticolare e in molti casi anche quella di respirare.
Certamente la vita è bella e vale la pena di viverla serenamente con tutti, anche se con mille difficoltà. Sarebbe comunque auspicabile anche in queste condizioni stare con i propri familiari. Nel mio stato non bisogna farsi tante illusioni, la vita ha un traguardo per tutti e il domani è sempre incerto."

È con queste parole che Giuseppe Trupia introduce il suo primo libro, dal titolo "SLA Io non mi arrendo". Giuseppe, nato a Canicattì nel 1968, ha presentato il suo scritto il 25 agosto presso la RSA di Riva del Garda, dove attualmente vive. Un uomo tenace, coraggioso e con tanta voglia di vivere, perchè come dice Giuseppe "La vita è bella e anche con mille difficoltà va vissuta".

CLICCA QUI per acquistare il libro!

 

Galleria Fotografica

Login

Utenti Online

Abbiamo 6 visitatori e nessun utente online

I nostri numeri

Utenti registrati
34
Articoli
257
Web Links
5
Visite agli articoli
176928